Il 17 marzo la Società nazionale delle autostrade marocchine (ADM), responsabile della costruzione, della gestione e della manutenzione delle autostrade del Paese, ha firmato un contratto di finanziamento con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) di 85 milioni di euro per accelerare la digitalizzazione delle infrastrutture di trasporto autostradale.

Un sottomarino Classe Kilo russo è transitato il 14 marzo nel Canale di Sicilia, attenzionato già da qualche settimana dalle forze Nato, probabilmente diretto a Sebastopoli in Crimea, dove si trova la Flotta del Mar Nero. Proprio in quest’area il 19 marzo – mentre la base navale russa di Sebastopoli è stata posta in stato di massima prontezza al combattimento con ordine alla flotta di prendere il marecaccia americani sono decollati dalla portaerei USS Eisenhower per operare sul Mar Nero con tre aerocisterna a supporto e l’incrociatore classe Ticonderoga USS Monterey già presente nelle stesse acque. Il 20 marzo ha raggiunto la zona anche il cacciatorpediniere USS Thomas Udner.

Il 16 marzo il nuovo governo provvisorio di unità nazionale della Libia (Gnu), guidato dal premier Abdul Hamid Dbeibah, che dovrebbe avere il compito di portare la Libia alle elezioni di dicembre, ha prestato giuramento davanti al parlamento a Tobruk. Già qualche giorno prima, il 13 marzo, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU aveva inoltre chiesto il ritiro di tutte le truppe straniere e mercenarie presenti in Libia, che alla fine del 2020 si calcolavano in circa 20 mila unità.

Il 16 marzo sono riprese ad Atene le consultazioni politiche bilaterali tra Turchia e Grecia per risolvere le numerose dispute tra i due paesi, a partire dai confini marittimi. Si tratta della seconda consultazione dall’inizio dell’anno, dopo la ripresa dei colloqui dello scorso 25 gennaio a Istanbul.

Mentre la formazione del governo da parte del primo ministro designato Saad Hariri appare in una fase di stallo, continuano i disordini in Libano. Particolarmente cruenti gli scontri tra manifestanti e militari a Beirut nella notte tra il 15 e il 16 marzo, che hanno fatto registrare un bilancio di almeno una decina di feriti. Intanto un nuovo incontro tra Saad Hariri e il Presidente della Repubblica Michel Aoun è in programma per lunedì 22 marzo.

Il 19 marzo fonti militari inglesi hanno denunciato interferenze, attraverso segnali di disturbo  jamming, non andati a buon fine, da parte della Russia, per ostacolare le attività di decollo dall’isola di Cipro di aerei della Royal Air force .

Il 16 marzo è stata annunciata la scoperta a sud di Gerusalemme di frammenti biblici  – porzioni di libro di 12 profeti tra i quali Zaccaria e Naum – principalmente in  lingua greca, risalenti a 2000 anni fa. L’ultimo rinvenimento del genere risaliva agli anni cinquanta del secolo scorso.

A cura di Luca Basilio Bucca e Antonino Teramo

Di Redazione

Redazione di Europamediterraneo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *