Mediterraneo: Il 27 febbraio scorso la portaerei statunitense Dwight D. Eisenhower e altre navi da guerra della marina militare statunitense (tra le quali la USS San Jacinto e la USS Vella Gulf Tomahawk e i cacciatorpedinieri USS Stout, USS James E. Williams e USS Truxton) hanno attraversato lo stretto di Gibilterra e sono entrate nel Mar Mediterraneo.

Italia: Il 4 marzo la compagnia aerea Wizz Air, in rapida crescita in Europa, ha annunciato la sua presenza a Palermo. La compagnia aerea baserà 2 aeromobili Airbus A321 all’Aeroporto Internazionale di Palermo Falcone Borsellino dal giugno 2021 annunciando anche, da quella data, sette nuove rotte da Palermo.

Italia: Il 5 marzo la Regione Siciliana ha annunciato di aver stanziato un milione di euro per l’acquisto e la valorizzazione della casa natale di Salvatore Quasimodo, a Modica.

Grecia: Il 4 marzo centinaia di persone nei villaggi della Grecia centrale hanno trascorso la seconda notte consecutiva in tenda o in macchina, dopo il forte terremoto che ha colpito la regione di Larissa non provocando vittime.

Turchia: Il 5 marzo i dirigenti del Partito Democratico del Popolo Filo-Curdo (HDP), terza forza politica del parlamento, hanno affermato che, in caso di messa fuori legge del partito da parte del tribunale, si ricompatteranno sotto una nuova sigla. L’HDP, che ha subito perquisizioni e arresti, ha respinto le accuse di essere legato a militanti del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), considerato come gruppo terroristico dalla Turchia, dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea.

Israele: Il 28 febbraio scorso il Primo Ministro israeliano Netanyahu ha dichiarato che ritiene l’Iran responsabile per l’attacco alla nave Helios Ray nel Golfo dell’Oman.

Israele: Il primo marzo si è verificato un attentato incendiario presso il monastero della Chiesa ortodossa rumena a Gerusalemme. L’intervento di un sacerdote ha evitato che l’incendio si propagasse e causasse danni peggiori. Il Cancelliere del Patriarcato ha chiesto misure di sicurezza per tutelare la comunità cristiana e fermare la spirale di violenza.

Israele: Il governo israeliano il 3 marzo scorso ha accusato una petroliera libica, partita da un porto iraniano, di essere responsabile del disastro ecologico che ha portato le coste del Paese ad essere ricoperte di bitume.

Israele: il 2 marzo il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha annunciato che nell’ambito della collaborazione tra i membri del First Mover Group (Austria, Danimarca, Grecia, Repubblica Ceca, Norvegia, Israele, Singapore, Australia e Nuova Zelanda) Austria, Danimarca e Israele avvieranno la produzione di vaccino anti-covid19 di seconda generazione. Anche per questo motivo Kurz e la premier danese Mette Frederiksen il 4 marzo si sono recati in visita in Israele.

Libano: Dal 2 marzo le principali città del Libano sono state interessate da ondate di proteste popolari anti governative e contro il carovita.

Siria: Il 28 febbraio si è verificato un bombardamento su Damasco, da parte di Israele contro forze iraniane presenti in quei luoghi.

Siria: Il 5 marzo un missile ha colpito un deposito di carburanti nel villaggio di Hamran, a nord-ovest della città di Manbij, provocando una violentissima esplosione.

A cura di Luca Basilio Bucca e Antonino Teramo

Di Redazione

Redazione di Europamediterraneo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *