Il 29 giugno è stata inaugurata la mostra internazionale Cipro, Crocevia delle Civiltà,  nelle Sale Chiablese dei Musei Reali di Torino e sarà visitabile fino al 9 gennaio 2022. La mostra è stata realizzata in collaborazione con l’Università di Torino, con il patrocinio della Città di Torino e della Regione Piemonte e il sostegno di Fondazione Crt, Reale Mutua, Giubileo e Ribes Solutions. Sono esposti i reperti della più importante collezione cipriota italiana, oltre che ai prestiti di reperti unici per la prima volta in Italia provenienti da importanti istituzioni straniere, tra cui il British Museum di Londra, il Metropolitan Museum of Art di New York, il Fitzwilliam Museum di Cambridge, il Medelhavetmuseet di Stoccolma, il Kunsthistorisches Museum di Vienna e il Museo di Cipro a Nicosia.

Il 25 giugno un uomo di origine somala ha accoltellato alcuni passanti nel centro di Wurzburg, in Germania. Il bilancio è stato di tre morti e undici feriti, cinque dei quali in gravi condizioni.

Il 28 giugno a Roma in occasione della riunione della coalizione anti-Daesh, con la presenza segretario di Stato degli Stati Uniti d’America Antony Blinken, il Ministro degli esteri italiano Luigi di Maio ha proposto di creare un gruppo di lavoro dedicato all’Africa, e in particolare alla situazione in Shael, dove la ramificazione di Daesh può rivelarsi destabilizzante per l’Europa e il Mediterraneo allargato. 

Il primo luglio nella Città del Vaticano il Papa ha presieduto la giornata di riflessione e preghiera per il Libano a cui hanno partecipato i capi delle comunità cristiane libanesi.

Firas Abyad, direttore del più importante ospedale Covid del Libano il 28 giugno ha fatto notare ai media che molte strutture sanitarie e amministrative del Paese sono afflitte da una crescente mancanza di corrente elettrica. Nel suo ospedale l’elettricità è assente per 21 ore al giorno. Nel Paese, che sta attraversando da tempo una durissima crisi economica, la corrente elettrica è razionata da tempo. Nelle ultime settimane le centrali elettriche e i generatori di corrente privati sono privi di sufficiente combustibile a causa dell’impossibilità da parte del Governo e della Banca centrale di reperire la valuta per acquistarlo. Il dollaro utilizzato per l’acquisto del combustibile ad oggi è cambiato a 17.500 lire libanesi, quando meno di due anni fa un dollaro valeva 1.500 lire. A Beirut si sono anche verificati negli ultimi giorni disordini e scontri.

Il 29 giugno si è conclusa l’esercitazione congiunta “Tri-Lightning 2” tra l’aeronautica israeliana, il Corpo dei Marines degli Stati Uniti e la Royal Air Force nel sud di Israele. I caccia israeliani “Adir” (F-35I) si sono addestrati al fianco degli F-35 del Corpo dei Marines degli Stati Uniti e della Royal Air Force. Durante l’esercitazione sono stati simulati vari scenari di guerra tra cui il combattimento aria-aria, gli attacchi aerei, le minacce avanzate terra-aria, così come gli attacchi e altri scenari operativi in profondità nel territorio nemico.

Secondo fonti israeliane nella notte tra l’1 e il 2 luglio, in risposta al lancio di palloni incendiari da Gaza verso il territorio di Israele, l’esercito israeliano ha colpito una fabbrica di armi di Hamas nella Striscia di Gaza.

La brigata di fanteria israeliana Kfir, creata nel 2005 contro il terrorismo palestinese in Cisgiordania, ha partecipato ad un’esercitazione di una settimana per migliorare la capacità di risposta ad un ipotetico attacco proveniente dal confine nord di Israele.

 

A cura di Antonino Teramo

Di Redazione

Redazione di Europamediterraneo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *